Armstrong e Zhou al vertice della Formula 3 Europea

19 Lug 2018

Dopo la quarta tappa stagionale i piloti della Ferrari Driver Academy occupano i due primi posti della classifica generale separati da un solo punto. Cresce anche Shwartzman.

Marcus Armstrong ha rafforzato la leadership nella classifica generale grazie ad un ottimo bottino di tappa conquistato sul circuito olandese di Zandvoort, sede della quarta tappa stagionale del campionato Europeo FIA Formula 3. Il diciassettenne pilota della Ferrari Driver Academy è salito a quota 131 punti, in una graduatoria che ora vede Guan Yu Zhou in seconda posizione, staccato di una sola lunghezza.

Il pilota cinese della Ferrari Driver Academy ha iniziato al meglio il fine settimana di Zandvoort conquistando la pole position nelle qualifiche di gara-1, corsa poi conclusa in seconda posizione. È arrivata invece in rimonta la terza piazza in gara-2, piazzamento maturato dopo essere scattato dalla terza fila della griglia di partenza. Copione replicato da Zhou anche in gara-3, in una corsa che ha visto il cinese partire dalla quarta posizione e concludere al secondo posto.

Armstrong in gara-1 ha mantenuto la quarta posizione occupata al via, mentre nella seconda corsa del weekend è stato autore di una bella rimonta che gli ha consentito di risalire dalla terza fila occupata sulla griglia di partenza fino al secondo posto finale. “Abbiamo avuto a disposizione una nuova frizione che ci ha permesso di effettuare delle buone partenze – ha spiegato Marcus – e sono contento dell’esito finale, soprattutto per quanto riguarda la seconda corsa del weekend. Aver ottenuto i giri più veloci conferma che il potenziale in gara è stato molto buono, ed i punti conquistasti credo che saranno molto importanti per la classifica a fine anno”. Le possibilità di concludere la trasferta di Zandvoort con un buon piazzamento in gara-3 sono svanite in qualifica, a causa di un problema tecnico che ha rallentato Armstrong costringendolo a prendere il via dall’ultima fila e a non poter andare oltre la sedicesima posizione finale.

“Il bilancio del weekend è stato indubbiamente positivo – ha invece commentato Zhou – anche se in gara-1 scattando dalla pole mi aspettavo più della seconda posizione finale. Abbiamo confermato un buon ritmo, e tutta la squadra ha svolto un lavoro fantastico. Ho conquistato punti importanti, e soprattutto in gara-3 non ho voluto correre rischi al via. Il campionato è ancora molto lungo, ed è importante sfruttare ogni occasione per avanzare in classifica, come fatto questo fine settimana”. La trasferta di Zandvoort ha premiato in modo netto il lavoro svolto dal team Prema, che nelle prime due gare sul circuito olandese ha monopolizzato tutte le posizioni sul podio. Un potenziale tecnico che ha consentito anche a Robert Shwartzman di conquistare due piazzamenti in zona punti, confermandosi nella top-10 di campionato.

Ultime news