Zhou e Shwartzman chiudono da vincenti la F3 Europea

18 Ott 2018

Successi di tappa per i due piloti della FDA nella tappa conclusiva di Hockenheim. Il diciannovenne pilota russo si è laureato miglior esordiente del 2018 e terzo assoluto.

Lo scorso fine settimana si è conclusa sul circuito di Hockenheim la stagione Europea di Formula 3, con la disputa della decima tappa stagionale. La trasferta si è conclusa con un buon bilancio per la Ferrari Driver Academy, grazie al successo in gara-1 di Guan Yu Zhou e alla vittoria nella terza e conclusiva corsa del weekend di Robert Shwartzman, che ha conquistato il titolo di migliore esordiente della stagione 2018.

Zhou ha confermato l’ottimo feeling con il tracciato di Hockenheim già in qualifica, conquistando la pole position che ha sfruttato perfettamente al via di gara-1. Il pilota cinese ha gestito la corsa senza il minimo errore, anche durante le fasi di ripartenza seguite ad un doppio ingresso in pista della Safety Car. “La buona partenza mi ha consentito di riuscire subito a conquistare un piccolo margine si sicurezza – ha poi spiegato Zhou – ma non è stato facile gestire le fasi di gara in cui è entrata in pista la Safety Car. Quando la corsa è ripresa ho confermato un ottimo ritmo e mi sono davvero goduto i passaggi conclusivi. Sono molto contento di aver conquistato la mia seconda vittoria stagionale, credo che dopo un periodo non facile siamo riusciti a riconfermare il nostro passo”.

Gara-1 ha vito Zhou precedere sul traguardo Shwartzman, che anche ad Hockenheim ha confermato l’ottima forma evidenziata nella seconda metà di stagione, confermandosi come il pilota che ha incamerato il maggior numero di punti nel weekend di Hockenheim grazie ad una vittoria, un secondo ed un quinto posto. Grazie all’ottimo bottino di tappa Robert ha concluso in terza posizione assoluta la sua prima stagione in una serie molto competitiva con al Formula 3 Europea.

“Alla vigilia del weekend non credevo molto alla possibilità di finire nella top-3 del campionato – ha confidato – sulla carta era difficile, ma…è successo! Voglio ringraziare il team per il grande lavoro, e tutti coloro che hanno mi hanno supportato. Gara-3 è stata una corsa…rilassante. Avevo a disposizione il mio set di gomme più fresco, e dopo aver sfruttato bene la pole position il passo si è confermato ottimo. Verso la fine ho cercato di ridurre un po’ il ritmo, per mantenere gli pneumatici in buone condizioni nel caso fosse accaduto qualcosa di imprevisto, come l’ingresso di una Safety Car e la conseguente ripartenza, poi negli ultimi giri mi sono davvero goduto il momento”.

L’unica nota stonata nel weekend della FDA è stata legata agli imprevisti che reso decisamente in salita il fine settimana di Marcus Armstrong. “Credo sia stato uno dei miei fine settimana peggiori includendo anche gli anni in karting – ha spiegato – in gara-1 ho subito guadagnato una posizione passando al quinto posto, che sarebbe stato un buon risultato, ma c’è stato un contatto con Mick Schumacher e ho danneggiato uno dei miei pneumatici. In gara-2 ho avuto un problema con l’accensione e sono dovuto partire dalla pit-lane. Poi ho iniziato a rimontare, ma un altro contatto mi ha messo fuori gioco, copione poi ripetuto nella terza e conclusiva corsa del weekend”.

Il titolo piloti 2018 è stato conquistato da Mick Schumacher. La Ferrari Driver Academy si congratula per l’ottima stagione che ha consentito a Mick di raggiungere un obiettivo di grande prestigio.

Ultime news